Torino, “osano” entrare nel campo rom di Mirafiori: poliziotti accerchiati, pestati a bastonate e feriti. Finiscono all’ospedale

da Il Secolo D’Italia – Due poliziotti del commissariato Mirafiori di Torino sono stati accerchiati e feriti a bastonate all’interno di un campo nomadi, dove avevano effettuato un inseguimento: l’aggressione è avvenuta nell’insediamento di camper tra via Scarsellini e via Poma.

L’aggressione è avvenuta venerdì sera durante un intervento delle volanti del commissariato Mirafiori a Torino. Gli agenti stavano inseguendo un esponente di 25 anni di una delle famiglie del campo nomadi, difeso dall’avvocato Roberto Capra.

Il giovane era stato sorpreso poco prima sfrecciare a tutta velocità in corso Siracusa, a bordo di un camper e senza patente. Durante l’inseguimento il giovane ha spaccato una pensilina del tram, mentre guidava in retromarcia sul marciapiede. È stato il giovane, durante la fuga, a dirigersi verso la zona dei camper di via Scarsellini, per cercare rifugio.

Nel campo rom di Mirafiori garanzia di impunità

Qui gli agenti, che hanno dovuto chiamare i rinforzi, sono poi riusciti a bloccarlo, arrestandolo per resistenza, lesioni e danneggiamenti, ma sono stati colpiti a bastonate da vari rom non identificati. Sono stati medicati all’ospedale Cto per contusioni non gravi con prognosi fino a dieci giorni.

«Questo è purtroppo solo l’ultimo di una lunga serie di episodi avvenuti in città dove, nonostante lo sforzo quotidiano delle Forze dell’ordine, avvengono atti incivili e di inaudita violenza». Così la vicecapogruppo FdI alla Camera Augusta Montaruli, che sull’aggressione ha annunciato un’interrogazione parlamentare al ministro Piantedosi.

«Dopo le positive azioni sgombero già messe in campo – conclude Montaruli – chiederemo che venga compiuto uno sforzo aggiuntivo per far in modo che episodi come questo non si ripetano».

leggi la notizia su Il Secolo D’Italia