Orrore utero in affitto, coppia gay rifiuta il bimbo “difettoso” e minaccia la madre surrogata: “Devi abortire subito”

Da Daily Mail (Traduzione Google Translate) – Una madre californiana ha affermato che le è stato detto di interrompere la sua gravidanza surrogata a 24 settimane dai futuri padri del bambino dopo che le è stato diagnosticato un cancro al seno. Brittney Pearson, 37 anni, di Sacramento ha dichiarato a DailyMail.com che le è stato diagnosticato un cancro al seno a maggio a 22 settimane.

Dice che dopo che una risonanza magnetica a tutto il corpo ha rivelato l’entità della malattia, la coppia gay che la stava pagando per portare il loro bambino ha usato minacce legali per spingerla a interrompere la gravidanza.

Inizialmente, afferma Pearson, i medici del Sutter Health Medical Center di Sacramento credevano che sarebbe stata in grado di sottoporsi a una forma di trattamento chemioterapico compatibile con la gravidanza e che sarebbe stata quindi indotta a 34 settimane di gestazione. I futuri padri, che non sono stati nominati ma provengono dalla California meridionale, sarebbero stati felici che lei ricevesse cure e continuasse con la gravidanza.

Brittney Pearson, 37 anni, di Sacramento ha detto a DailyMail.com che le è stato detto di interrompere la sua gravidanza surrogata a 24 settimane dai futuri padri della bambina dopo che le è stato diagnosticato un cancro al seno

Brittney Pearson, 37 anni, di Sacramento ha detto a DailyMail.com che le è stato detto di interrompere la sua gravidanza surrogata a 24 settimane dai futuri padri della bambina dopo che le è stato diagnosticato un cancro al seno

Pearson afferma che la coppia gay che la stava pagando per portare il loro bambino ha usato minacce legali per spingerla a interrompere la gravidanza

Pearson afferma che la coppia gay che la stava pagando per portare il loro bambino ha usato minacce legali per spingerla a interrompere la gravidanza. Tuttavia, quando i medici si sono resi conto che il cancro HER2+ si era diffuso più del previsto e che sarebbe stata necessaria una chemio più aggressiva per combatterlo, i rapporti tra Pearson e i futuri genitori si sono interrotti.

La coppia gay senza nome, afferma Pearson, voleva che il bambino fosse “immediatamente terminato” e “cancellato” poiché credevano che non avesse alcuna possibilità di vita. Non volevano un bambino nato prima delle 34 settimane perché presumibilmente temevano che il bambino avrebbe avuto notevoli problemi di salute, si afferma. 

Il Center for Bioethics and Culture Network, un gruppo anti-surrogacy che per primo ha riferito sul caso di Pearson, afferma che i futuri padri hanno anche cercato di impedire a Pearson di portare a termine il bambino, per poi darlo in adozione. Si dice che le abbiano detto che non volevano che il loro “DNA là fuori” fosse allevato da qualcun altro. DailyMail.com non è stato in grado di contattare i futuri papà per verificare tale affermazione.  

Pearson ha detto a DailyMail.com dell’angoscia che ha provato dopo che i potenziali padri avrebbero “minacciato tutti quelli che potevano con una causa”, tra cui Pearson, la sua agenzia e Sutter Health.

Ad un certo punto, sostiene, il suo team di oncologia, dopo essere stato minacciato di azioni legali, ha detto che non erano sicuri di poterle fare la chemio e che avrebbero dovuto consultare i propri avvocati. “È stato frustrante perché volevo dare loro una famiglia”, ha detto a DailyMail.com, “hanno detto che gli importava ma non l’hanno fatto. Mi sono sentito tradito e con il cuore spezzato.’

Jennifer Lahl, presidente di The center for Bioethics and Culture Network (nella foto: in alto a sinistra) ha dichiarato: “Questo caso evidenzia molti dei problemi con la gravidanza contratta, in gran parte commerciale”. La madre di quattro figli, che aveva già completato con successo un ciclo di maternità surrogata, ha detto di sentirsi come “un utero in affitto”.

Continua a leggere su Daily Mail

Commenta per primo

Lascia un commento