I patrioti di AfD volano al 20%: “Il nostro obiettivo è la dissoluzione dell’Ue”. “Le sanzioni alla Russia sono illegittime”

da Euractiv – Il partito di estrema destra tedesca Alternativa per la Germania (AfD) è pronto a pilotare la dissoluzione controllata dell’UE. Il suo leader, Tino Chrupalla, definisce il primo ministro ungherese Viktor Orbán uno dei suoi principali alleati.

Nel suo manifesto elettorale per le elezioni europee 2024, che dovrà essere ratificato durante la conferenza del partito il 29 luglio, l’AfD chiede una “dissoluzione controllata” della “prepotente UE”. “Chiediamo un reset per l’Europa in modo da poter utilizzare il potenziale degli Stati nazionali e ricostruire il ponte verso est”, ha dichiarato Chrupalla, co-leader dell’AfD, a EURACTIV.

L’UE è uno “spazio solo economico e dovrebbe rimanere tale”, ha aggiunto. L’Unione europea “si appropria delle competenze nazionali senza essere in grado di sostituire lo Stato nazionale” e non è sufficientemente democratica in quanto la Commissione manca di legittimità.

Chrupalla ha anche citato le sanzioni dell’UE contro la Russia come un primo esempio dell’illegittimità dell’UE, affermando che esse “non sono nell’interesse dei cittadini” e hanno portato all’aumento dell’inflazione e alla recessione.

L’AfD propone invece di sostituire l’UE con “una nuova comunità europea economica e basata sugli interessi, una lega di nazioni europee”.

Gli “alleati” in Ungheria e Austria

La proposta dell’AfD, che porterebbe di fatto all’uscita della Germania dall’UE, rispecchia la posizione tradizionale del partito, che già si era espresso a favore della dissoluzione dell’unione monetaria.

Durante le ultime elezioni del Bundestag, l’AfD ha fatto campagna per la completa dissoluzione dell’UE. Da allora, tuttavia, le posizioni di molti partiti fratelli di estrema destra del gruppo politico dell’UE Identità e Democrazia (ID) si sono notevolmente ammorbidite.

Il partito di estrema destra Rassemblement National di Marine Le Pen in Francia, ad esempio, ha abbandonato l’idea di sciogliere l’UE e ha invece spinto per una riforma fondamentale – impossibile per l’AfD.

Allo stesso modo, la Lega di Matteo Salvini in Italia sta lavorando sul suo stand internazionale, cercando di dare vita ad un’ampia alleanza con le forze di centro-destra per le prossime elezioni, abbandonando lentamente le sue idee euroscettiche.

Tuttavia, Chrupalla è ottimista sul fatto che la dissoluzione dell’UE possa prendere forma e scommette sui partiti di destra in Austria e Ungheria.

“Le prospettive [di attuazione della proposta] sono buone, poiché la tendenza globale è a nostro favore”, ha dichiarato.

L’asse austro-ungarico

Sia l’Austria che l’Ungheria sarebbero partner ideali e alleati naturali per l’AfD.

“La cooperazione milttleuropea con l’Ungheria e l’Austria è di importanza centrale per la Germania”, ha dichiarato Chrupalla, aggiungendo che Orbán “sta già mostrando come la politica basata sugli interessi nazionali possa essere realizzata in Europa”.

In Austria, il Partito della Libertà (FPÖ), di estrema destra, è attualmente in testa ai sondaggi nonostante le frequenti accuse di corruzione. Allo stesso modo, Fidesz di Orbán dovrebbe raggiungere quasi il 50%, mentre il principale partito di opposizione è fermo al 30%.

Anche l’AfD è tornato in auge di recente: il partito è attualmente al secondo posto con circa il 20%, addirittura davanti al partito socialdemocratico (SPD) del cancelliere Scholz.

Nel frattempo, l’FPÖ ha già espresso il proprio sostegno all’AfD.

“Consideriamo l’evoluzione che l’Unione europea ha preso negli ultimi anni in modo piuttosto critico e con grande preoccupazione”, ha dichiarato a EURACTIV Harald Vilimsky, capo delegazione dell’FPÖ al Parlamento europeo.

“Naturalmente i cittadini europei dovrebbero avere la possibilità di scegliere se sono ancora d’accordo con lo sviluppo [dell’UE] o se preferiscono andare in una direzione più vicina alle idee di base dell’integrazione, ovvero pace, libertà e ricchezza”, ha aggiunto.

Tuttavia, mentre Fidesz di Orban è ideologicamente vicino all’AfD, non è allineato a nessun gruppo del Parlamento europeo da quando ha lasciato il gruppo di centro-destra del PPE (di cui fa parte anche Forza Italia).

Continua a leggere su Euractiv

Commenta per primo

Lascia un commento