Duro colpo al movimento #MeToo e alle femministe rosse: Kevin Spacey assolto da tutte le accuse. Abusi sessuali inventati

da Il Giornale – Kevin Spacey è stato giudicato non colpevole di molestie abusi sessuali contro quattro uomini contestate a Londra, nel corso di un processo su vicende risalenti a un periodo compreso fra il 2004 e il 2013.

La star di Hollywood era stata accusata dei reati nel periodo durante il quale ricopriva la carica di direttore artistico del teatro Old Vic della capitale britannica. Spacey ha ringraziato la giuria con le lacrime agli occhi dopo esser stato ritenuto innocente. La decisione è perlatro arrivata nel giorno del 64esimo compleanno dell’attore.

Spacey non colpevole

Il verdetto della giuria popolare, radunata dinanzi alla Southwark Crown Court, è arrivato dopo circa un mese di udienze. Il celebre attore americano si era sempre dichiarato innocente rispetto alle accuse, riguardanti una decina di episodi, rivoltegli da quattro uomini più giovani tra cui un ex aspirante attore.

Nello specifico, le accuse mosse nei suoi confronti erano state denunciate in due tranche. Prima da un aspirante attore (giovane all’epoca dei fatti contestati), poi da altri tre uomini che a quel tempo avevano tra i 20 e i 30 anni. Nella fase finale del procedimento la pubblica accusa aveva insistito nel presentare il due volte premio Oscar come un personaggio che aveva sfruttato il suo potere e la sua influenza nel mondo dello spettacolo per abusare di uomini più giovani di lui, sostenendo che il suo comportamento dovesse essere giudicato alla stregua delle molestie sessuali commesse ai danni di donne e denunciate dal movimento #MeToo.

La fine dell’incubo

Spacey ha sempre negato le accuse, definendole “follia” e una “pugnalata alla schiena“, affermando che i suoi detrattori fossero alla ricerca di “soldi, soldi e poi soldi“. I giurati hanno raggiunto un verdetto dopo 12 ore e 26 minuti di deliberazione. L’uomo, come detto, è apparso emozionato e ha abbracciato il suo team legale.

Nello specifico, l’attore è stato dichiarato non colpevole di nove reati sessuali contro quattro uomini tra i 20 e i 30 anni, tra il 2004 e il 2013. I giurati hanno respinto le argomentazioni dell’accusa, secondo cui Spacey aveva “aggressivamente” afferrato tre uomini per l’inguine e aveva compiuto un atto sessuale su un aspirante attore mentre dormiva nel suo appartamento.

Come ha ricordato la Bbc, prima che la sua carriera fosse di fatto interrotta dalle accuse di molestie sessuali, Kevin Spacey era uno degli attori più ricercati di Hollywood. Era ben noto per i ruoli in Seven, American Beauty, LA Confidential, 21, Horrible Bosses, Baby Driver e la serie tv House of Cards, uno dei più grandi e primi successi di Netflix. L’attore è stato regolarmente premiato per il suo lavoro – vincendo due Oscar durante la sua carriera – uno come attore protagonista (per American Beauty del 1999) e uno come attore non protagonista (per I soliti sospetti del 1995). Va a spasso

Continua a leggere su Il Giornale