Carmagnola, due 19enni pakistane fanno il bagno con il burqa e rischiano di annegare: una di loro in condizioni gravissime

da Corriere Della Sera – Erano andate sulla riva del Po a cercare il fresco, ma verso sera non hanno resistito alla tentazione di un tuffo, pur non essendo nuotatrici esperte. Shumala e Nayyab, sono due ragazze pachistane di 19 anni che vivono a Carignano e a Poirino. Sabato pomeriggio sono andate sulla spiaggia di Salsasio, alle porte di Carmagnola, assieme al fratellino 12enne di Shumala.

Per motivi religiosi le due amiche sono entrate in acqua con i vestiti addosso e, dopo qualche bracciata si sono trovate in difficoltà. La corrente era davvero molto forte e le trascinava lontano dalla sponda.

Il 12enne è riuscito a uscire dall’acqua da solo: «Faceva troppo caldo e abbiamo deciso di fare il bagno», ha raccontato terrorizzato mentre un bagnante torinese di 61 anni cercava di portare a riva le due ragazze. Non appena si è reso conto di quello che stava succedendo, infatti, Michele si è lanciato nel fiume e le ha salvate. Purtroppo, però, Nayyab aveva bevuto molta acqua e non è escluso che possa aver accusato anche una congestione. Appena tornata sulla sponda ha avuto un arresto cardiaco da «annegamento» e ha perso conoscenza.

L’allarme è scattato alle 19 e, dopo pochi minuti, a Carmagnola sono arrivati i carabinieri e un’équipe del 118, che è riuscita a far ripartire il battito prima di trasportare Nayyab in elicottero alle Molinette. La 19enne è stata ricoverata in rianimazione, è intubata e le sue condizioni sono considerate molto gravi.

Leggi la notizia su Corriere della Sera

Commenta per primo

Lascia un commento