Bologna, mossa da compassione ospita in casa un clochard del centrafrica: lui la stupra, il racconto choc della vittima

Da Il Resto del Carlino – Bologna, 1 agosto 2023 – Il giovane uomo a cui aveva dato ospitalità avrebbe abusato di lei, costringendola a subire un rapporto sessuale contro la sua volontà. È quanto denunciato da una trentacinquenne di origine centroafricana, che ha chiesto aiuto, l’altra sera, ai carabinieri, intervenuti con la Scientifica dell’Arma in un appartamento in via Zanardi.

Stando a quanto raccontato dalla vittima, che è stata accompagnata dai militari all’ospedale Maggiore per essere sottoposta al protocollo Eva, quello per le vittime di violenza sessuale, dopo aver incontrato il giovane, un senza fissa dimora, l’avrebbe invitato a casa, per trascorrere insieme la serata.

Un contesto all’inizio amichevole tra i due, passato a bere e chiacchierare. Finché la confidenza di lui si sarebbe spinta oltre il limite che la trentacinquenne aveva posto. Noncurante del rifiuto della donna, l’altro avrebbe abusato della vittima, violentandola e poi lasciandola sola nell’appartamento una volta soddisfatti i propri istinti.

Lei a quel punto ha chiesto aiuto. Erano circa le 21 di domenica sera. La trentacinquenne ha chiamato il 112 e in via Zanardi sono arrivati sia i carabinieri del Radiomobile che la Scientifica dell’Arma, per repertare eventuali tracce lasciate dall’uomo nell’appartamento, con lo scopo di riuscire a identificarlo compiutamente.

La trentacinquenne è stata ascoltata dai militari dell’Arma e ha ricostruito con loro quanto avvenuto nel pomeriggio e nella serata, spiegando come aveva conosciuto l’uomo e come avevano trascorso, insieme, alcune ore prima della violenza. Successivamente è stata portata in ospedale, per essere sottoposta a tutti gli accertamenti necessari e al percorso psicologico per le vittime di violenza.

Adesso le indagini dei carabinieri sono in corso, per accertare la dinamica dei fatti descritti dalla vittima e rintracciare il presunto autore della violenza, che ancora non è stato individuato, e ascoltare anche la sua versione. Un lavoro delicato, per cui sarà necessario sentire ancora la vittima, in un contesto temporale distante da quello dei fatti.

Leggi la notizia su Il Resto del Carlino